Si.A.Po.L.
   Chi Siamo

   Segreteria generale

   Strutture regionali

   Statuto

   Modulo di iscrizione

   Concorsi

   Siti utili

Servizi
   Comunicati

   Circolari

   Contratti

   Convenzioni

   L'Opinione

   Leggi

   Rassegna Stampa

   Professionale

   Quaderno Sindacale

   Sentenze Consiglio di Stato

   Sentenze Corte Costituzionale

   Sentenze Corte di Cassazione

   Sentenze TAR e Corte Conti

   Sentenze Tribunale

   Ultime notizie

Home  E-Mail  Download Acrobat   Come raggiungerci

Decisione n. 299 del 29/01/2004
Cure termali: rimborso spese a dipendenti degli Enti Locali

N. 299/04 REG.DEC.             

 

REPUBBLICA ITALIANA

            IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

 

Il  Consiglio  di  Stato  in  sede  giurisdizionale,   Quinta  Sezione     

ha pronunciato la seguente

DECISIONE

sul ricorso in appello n. 3805/1997 proposto da ****, rappresentato e difeso dall’Avv. **** ed elettivamente domiciliato presso ****;

CONTRO

il Comune di Spinazzola, in persona del Sindaco pro tempore, rappresentato e difeso dall’Avv. **** ed elettivamente domiciliato presso ****;

per l’annullamento

della sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia - Bari, Sez. II, n. 214/97 in data 16.1/28.2.1997;

Visto l’atto di appello con i relativi allegati;

Visto l’atto di costituzione in giudizio del Comune appellato;

Viste le memorie difensive depositate dalle parti;

Visti gli atti tutti della causa;

Alla pubblica udienza del 18 novembre 2003, relatore il consigliere Carlo Deodato, uditi gli Avv.ti ****, per delega dell’Avv.to ****, e ****;

Ritenuto che il presente giudizio può essere definito con sentenza succintamente motivata, ai sensi dell’art. 26 della L. 6 dicembre 1971 n. 1034 così come novellato dall’art. 9 comma 1 primo periodo della L. 10 agosto 2000 n. 205;

Rilevato, infatti, che, nei casi di manifesta infondatezza del ricorso, la decisione può essere assunta con le modalità semplificate sopra indicate anche quando la causa è stata trattata in pubblica udienza (Cons. Stato, Sez. V, 26 gennaio 2001, n. 268);

Considerato che è controversa la legittimità del provvedimento con il quale il comune di Spinazzola ha negato al ricorrente, suo dipendente, il rimborso delle spese sostenute per cure termali e che il T.A.R. ha respinto il ricorso contro tale diniego sulla base del rilievo - coerente con la motivazione del presupposto atto negativo di controllo - della non spettanza ai dipendenti degli enti locali della peculiare forma di assistenza reclamata dal ****;

Rilevato che tale statuizione si rivela corretta e che merita, pertanto, conferma;

Ritenuto, in particolare, che, contrariamente a quanto sostenuto dall’appellante, il beneficio del rimborso delle spese sostenute per cure termali non può riconoscersi ai dipendenti degli enti locali, per effetto di una lettura del combinato disposto degli artt.11 d.P.R. 1 giugno 1979, n. 191 e 68 d.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3 che ne estenda l’applicazione anche ad una categoria di impiegati estranea al novero di quelle direttamente interessate dalla sua chiara previsione normativa;

Considerato, in particolare, che l’enunciazione (art. 11, comma 3, d.P.R. n. 191/79) dell’applicazione ai dipendenti degli enti locali della “…disciplina dell’equo indennizzo di cui all’art. 68 del testo unico 10 gennaio 1957, n. 3…” va senz’altro intesa come circoscritta all’estensione a quella categoria di lavoratori delle sole, peculiari forme di tutela collegate all’istituto dell’equo indennizzo per perdita dell’integrità fisica dipendente da causa di servizio e non anche di altri tipi di beneficio non espressamente menzionati nella norma di rinvio, ancorchè previsti nella medesima disposizione richiamata (art. 68 d.P.R. n. 3/57);

Rilevato che l’esplicito ed univoco riferimento nell’art. 11 d.P.R. n. 191/79 alla “disciplina dell’equo indennizzo”, l’evidente e testuale limitazione del richiamo dell’art. 68 d.P.R. n. 3/57 alle sole sue parti dedicate alla regolamentazione del predetto istituto e la sostanziale diversità dei presupposti, delle forme di tutela e della funzione del beneficio dell’equo indennizzo rispetto a quello del rimborso delle spese sostenute per cure termali, nella specie rivendicato dall’interessato, impediscono qualsivoglia interpretazione estensiva od analogica, non autorizzata dalla lettera della norma, né dall’identità delle due situazioni sostanziali di riferimento, che ammetta i dipendenti degli enti locali ad un tipo di prestazione assistenziale dalla quale risultano chiaramente esclusi, per effetto della disciplina di riferimento;

Considerato, pertanto, che il comune ha correttamente negato all’interessato il rimborso reclamato, sulla base del richiamo per relationem della determinazione negativa dell’organo tutorio;

Ritenuto, inoltre, che, a fronte dell’accertata non spettanza al ricorrente del beneficio in parola, le residue doglianze riferite alla motivazione dell’atto si rivelano del tutto inidonee ad assegnare al ricorrente quell’utilità economica sostanzialmente reclamata con il ricorso e, comunque, impropriamente dedotte all’indirizzo di un atto privo di valenza autoritativa e connotato, anzi, da evidenti caratteri paritetici;

Ritenuto, peraltro, che, a fronte dell’adozione dell’atto di controllo, il provvedimento negativo in oggetto (certamente non qualificabile come atto di autotutela) si poneva come atto necessitato e vincolato, sicchè, anche sotto questo profilo, non risultano riscontrabili alcuna violazione dell’obbligo di motivazione sulle ragioni del mutato avviso del comune in merito alla spettanza del beneficio in questione (certamente integrata dal sufficiente richiamo per relationem alla decisione dell’organo tutorio) né altre ipotizzate distorsioni nell’esercizio della relativa attività provvedimentale (priva, come già osservato, di apprezzabili margini di discrezionalità);

Considerato, in definitiva, che l’appello va respinto e che sussistono, tuttavia, giusti motivi per compensare le spese di giudizio;  

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta, respinge il ricorso indicato in epigrafe e compensa tra le parti le spese processuali;

ordina che la presente decisione sia eseguita dall'Autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio dell’18 novembre 2003, con l'intervento dei signori:

Alfonso Quaranta             Presidente

Paolo Buonvino                Consigliere

Francesco D’Ottavi           Consigliere

Claudio Marchitiello                  Consigliere

Carlo Deodato                 Consigliere Estensore

 

L'ESTENSORE                             IL PRESIDENTE

F.to Carlo Deodato                       F.to Alfonso Quaranta

IL SEGRETARIO

F.to Francesco Cutrupi

 

 

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 29 gennaio 2004

(Art. 55, L. 27/4/1982, n. 186)

 

IL  DIRIGENTE

F.to Antonio Natale